Cronaca di Redazione , 15/09/2021 8:20

Faceva pagare la stampa del Green Pass 4 euro, farmacista delle Terme è ora indagata

Green Pass in farmacia

Indagata per abuso d'ufficio per aver fatto pagare ai clienti della sua farmacia la stampa del Green Pass. Nei guai, una farmacista di Montegrotto Terme: l'iscrizione sul registro degli indagati è arrivata dopo la segnalazione della Guardia di Finanza, intervenuta nell'esercizio una volta che la notizia era divenuta pubblica. Tutto è accaduto in piena estate, con la pubblicazione sui social di una foto di uno scontrino da parte di un cliente: nella ricevuta era riportata la spesa - 4 euro - per la stampa del green pass. Una pratica scorretta perché la consegna del foglio del certificato verde deve essere gratuita. La farmacista, invece, all'ennesima stampa, avrebbe chiesto un contributo per fare l'operazione.
Sarebbero una quarantina i Green Pass stampati a pagamento. La professionista si sarebbe difesa spiegando come il costo fosse imputabile non tanto al materiale usato (carta e inchiostro) per la consegna del certificato verde, quanto al tempo impiegato per ogni operazione: tra la ricezione dei dati, il controllo incrociato e la stampa, ogni Green Pass dato sarebbe costato almeno cinque minuti. Che per una attività con banco è tempo non indifferente: tanto più in giorni, come quelli di piena estate, dove le richieste per avere il certificato verde erano continue e pressanti. Specie da parte degli anziani, poco avvezzi con app e codici QR. Ora però la farmacista deve rispondere di abuso d'ufficio per aver richiesto compensi non dovuti.