Cronaca di Redazione , 13/04/2021 17:33

Vaccini: in Veneto 38.645 sotto la categoria 'altro'. La Regione precisa chi sono VIDEO

Michele Mongillo durante la conferenza stampa

Sono 32.645 in Veneto, pari al 3,23% del totale regionale, le vaccinazioni categorizzate sotto la voce "altro", che non risultano ancora tra quelle indicate dai piani nazionali come prioritarie. Lo ha specificato l'assessore regionale alla Salute, Manuela Lanzarin, illustrando assieme a Michele Mongillo, della Direzione prevenzione, i dati relativi alle categorie sottoposte a profilassi anti-Covid. 

Il 'cruscotto' nazionale indicava sotto la categoria "altro" per la Regione Veneto un totale di 375.272 somministrazioni, sollevando polemiche relative alla presenza o meno di "furbetti" del vaccino. Dalle tabelle fornite dalla Regione, tuttavia, risulta che di queste 375 mila dosi, in realtà, rientrano in categorie precise e previste dalle linee nazionali.  Tra di esse, la maggior parte (184.714) riguardano la fascia d'età 70-79, e altre (7.631) quella 60-69. Vi sono poi i soggetti estremamente vulnerabili e disabili (82.406), gli operatori non sanitari delle Rsa (14.450) e così via fino agli studenti di area sanitaria, i caregiver, i farmacisti, la protezione civile. 

Nelle scorse settimane le precisazioni della Regione avevano ristretto gli "altri" a circa 40 mila; c'è quindi stata un'ulteriore scrematura, con circa 2.000 vaccinazioni alla categoria degli operatori sanitari. Per i restanti "altri" sono in corso accertamenti presso le singole aziende Ulss che, ha sottolineato Lanzarin "dovranno controllare ed esplicitare".

1,2 MILIONI DI DOSI SOMMINISTRATE

Il Veneto ha superato in mattinata 1,2 milioni di somministrazioni di vaccini, per il 94,7% del totale delle dosi disponibili. Lo ha riferito Michele Mongillo. Per quanto riguarda gli arrivi di nuove forniture, questa settimana è previsto l'arrivo di 157 mila dosi circa, di cui 129 mila Pfizer, 13 mila AstraZeneca e 14.650 di Moderna. Nella settimana dal 19 aprile sono previste 166 mila dosi, quindi dal quella del 26 aprile sono attese 126 mila dosi di Pfizer, e nella settimana dal 3 maggio altre 125 mila, sempre di Pfizer.

Nel video il Dottor Mongillo spiega nel dettaglio le categorie che potete vedere anche nella foto allegata.

Gallery
Leggi Anche