Cronaca di Redazione , 22/02/2021 16:19

Bolis, sindaco amato Aperta camera ardente

“Grazie Alessandro, la tua Carmignano di Brenta ti saluta”. La foto del sindaco, Alessandro Bolis, scomparso nella notte tra il 19 e il 20 febbraio a soli 43 anni dopo una lunga malattia, è stata posta sulla facciata del sede municipale. Accanto, la camera ardente aperta questa mattina con un via vai incessante di persone per un commosso saluto ad un primo cittadino che, nonostante le sofferenze, non è mai venuto meno al suo compito, svolto sempre con passione e dedizione.

C’è tanta commozione a Carmignano, un silenzio surreale nella piazza principale. Con compostezza, la gente ha seguito il percorso allestito e controllato dai volontari della Protezione civile e della Croce Rossa per consentire un saluto a tutti, nella massima sicurezza.

Presidente della Conferenza dei sindaci dell'ex Ulss 15, Alessandro Bolis, ha speso tutte le sue energie per il sociale e per la sua comunità. Giornalista dal 2003, amministratore dal 2004, figura poliedrica e molto amata dalla sua comunità, lascia un vuoto profondo nei suoi concittadini.

Oggi è il giorno del dolore e dell’affetto per la moglie Marta, il figlio Giovanni. E’ stato proclamato il lutto cittadino per due giorni a Carmignano. Domani, 23 febbraio, i funerali alle 10 nella Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta.